Nuova stagione, nuovo inizio, nuova meta… Ma tu sai goderti il viaggio?

Le giornate si stanno allungando, l’aria si è intiepidita e la primavera sembra alle porte…  Luce, tepore, colori vividi ci rinvigoriscono e ci sentiamo più toniche ed energiche. Il cambiamento è dietro l’angolo…

Non so voi, ma io adoro questo momento…  sarà che l’avvicinarsi della nuova stagione porta sempre con sé il preludio di un “nuovo inizio”: ci fa intravedere la possibilità di buttare via il vecchio e il brutto, per aprire gli occhi, la mente e il cuore al nuovo e al bello.

E un nuovo inizio porta con sè l’inevitabile cambiamento…

Cambiamento

C’è chi lo auspica, chi lo ricerca con grinta, chi lo rifugge con tutte le proprie forze…

Eppure in alcuni casi non abbiamo possibilità di scelta… arriva come ogni anno l’inverno cede il passo alla primavera.

Tu a quale categoria appartieni?

Io non ho dubbi!

Il cambiamento mi stimola, mi da linfa nuova. Tanto che ne ho un viscerale bisogno. Il mantenimento dello status quo alla lunga mi stanca, mi annoia, mi logora.

Eppure a volte i cambiamenti, soprattutto quelli definitivi, da cui non si può tornare indietro, portano con sè una buona dose di ambivalenza.

Per quanto li abbiamo desiderati, per quanto si possa amare il nuovo, di fronte ai cambiamenti irreversibili è impensabile rimanere tutte d’un pezzo.

È così l’entusiasmo per la scoperta si trova a convivere con uno stato ansioso non proprio gradevole.

Ed è a questo punto che entra in gioco il solito paradosso. Il nostro compagno di viaggio che spesso e volentieri caratterizza i momenti cruciali!

Ebbene sì, la mia reazione di fronte a questa “ansietta” di sottofondo è di ASSOLUTA IMPAZIENZA.

Come se l’ansia per il cambiamento -tanto atteso ma infine dei conti anche temuto- mi portasse a focalizzarmi i tutti i modi possibili ed immaginabili per accorciare il momento di transizione. Per ridurre quel limbo maledetto in cui non si è né dentro né fuori, né carne né pesce,  né donna né bambina

E così succede che reagisco sempre allo stesso modo… IPERattività, IPERefficienza, IPERfocalizzazione all’obiettivo!

Massima concentrazione sulla meta, tassativo colmare IN TEMPO ZERO la distanza che mi separa dal traguardo!

Con il rischio di accumulare un bel po’ di mete raggiunte… ma di non aver goduto la bellezza del paesaggio lungo il percorso!

Mi viene in mente ad esempio come ho affrontato l’università: testa bassa, corse folli in fretta e furia per finire in anticipo, dividendomi quasi h24 tra studio e lavoro…

Ma chi mi stava correndo dietro, dico io?

Una belva incazzata e affamata?

download (1)

Non sarebbe stato meglio fare qualche esame in meno e andare a qualche festa universitaria in più?

Claro che sì… ma a volte il vortice travolge e le logiche si appannano.

Ora però mi appare tutto chiaro:

Non ha senso la conquista di una meta se non ci si è goduto il viaggio! 

E ripensando al paradosso ANSIA-IMPAZIENZA mi riecheggia alla mente una frase, che non a caso, tanto mi ha colpito nel mio ultimo viaggio in Grecia

“TODAY IS LIFE, TOMORROW NEVER COMES” (trovi il post qui)

Quindi, se anche tu come me, sei una donna  IPERfocalizzata, IPERefficiente, IPERattiva …per una volta… vaffa alla meta e… goditi il viaggio!

Giusto??

#ifeelgood #mivogliobene #psicologia #crescita #personale #change #cambiamento #viaggio #meta #cambiamento

 

 

 

 

 

FORSE TI INTERESSA ANCHE

6 comments

  1. Anche a me trasmette rinnovo e molta voglia in più di fare questo periodo. E’ come se ricaricasse le energie dopo un letargo. 🙂
    Molto bello il senso che trasmetti in questo post, concordo in pieno e godersi il viaggio è sempre la decisione/conclusione migliore.
    Bacione e buon weekend!:*
    Luna
    http://www.fashionsnobber.com

  2. Ciao Gloria :D, questo post mi è piaciuto un sacco!<3 Per certi versi anche io sono così, ci sono circostanze in qui non riesco a godermi il momento perchè magari sto già pensando a cosa dovrò fare il giorno dopo, o perchè nella mia mente l'avevo immaginato in maniera diversa :/ (questa è la cosa che più mi fa imbestialire)! Però l'importante secondo me è rendersene conto e cercare di migliorare per le occasioni future! 😉 Bacio :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *